Home
Monte Nuria

Monte Nuria [1888 m s.l.m.] - Recensione

 GUARDA QUI TUTTE LE FOTO!

L'otto Dicembre si celebra l'Immacolata Concezione, e questo ha dato modo alle truppe di Geo di fare un'escursione eccezionalmente di Lunedì, nonché di partire già da una buona quota pernottando dal giorno prima.
Infatti, la salita sul monte Nuria comincia da domenica 7, quando senza troppa fretta il gruppo ha raggiunto in automobile il rifugio ai piedi del Nuria per sistemarsi e pranzare, nonché passare un pomeriggio insieme immersi nel silenzio del paesaggio autunnale che i monti del Cicolano sanno regalare così bene.
Il camino acceso attenua il freddo pungente della notte fino al risveglio ed alla frugale colazione prima della partenza. La notizia che in quota ha nevicato rende tutti più felici, solleticando quel fanciullo interiore che chi va in montagna spesso conserva sveglio.
Il sentiero è ben tracciato e presto diventa ripido. Poco dopo la partenza il gruppo si è già allineato in un raccolto silenzio, anche per l'attenzione sui passi dovuta ad un terreno leggermente fangoso e ricoperto di foglie bagnate, abbastanza scivoloso da doversi di tanto in tanto aiutare con i tronchi dei giovani faggi spogli che “osservano” pazienti. In una brevissima pausa ci si rende conto della già discreta altitudine quando, tra gli alberi, si scorge un mare di nuvole che avvolge le valli molti metri sotto di noi. La mente corre subito al viandante di Friedrich, mentre altri parlano di "paesaggi wagneriani"...
Il freddo già non si sente più per il movimento, la salita procede veloce ed in circa un'ora viene raggiunto il bel rifugio De Angelis, molto accogliente e ben tenuto, a quota 1500 metri, dove in molti ne approfittano per sgranocchiare del cioccolato ed adeguare il vestiario.
Si riparte dopo pochi minuti, ben presto il sentiero diventa bianco e sui rami appaiono gemme di ghiaccio e cumuletti di neve. Il bosco con calma lascia il posto ad un paesaggio invernale, brullo ed innevato che affatica un po' l'ascesa, dato che la neve di questa notte è ancora farinosa e sui sassi risulta scivolosa. Ma la vetta è vicina.
Passata un'altra ora di cammino il gruppo si ricompatta in una zona pianeggiante dalla quale si gode una vista mozzafiato: monte Giano ammicca da vicino, mentre poco più lontano il Terminillo si fa ammirare maestoso, in lontananza le altre catene dell’Appennino, che alcuni riconoscono e descrivono ai meno esperti. Dato che a questa quota alcune nuvole non permettono di godere appieno del panorama, qualcuno promette che in vetta saremo ripagati…. ma, come si sa, la montagna spesso si prende gioco di chi è troppo sicuro. Infatti, a pochi metri dalla cima, una spessa coltre avvolge tutti, accompagnata da un venticello gelido.
Raggiunto il punto più alto del Nuria non si vede a 5 metri di distanza ed il clima è per nulla accogliente; dopo una breve sosta e qualche foto comincia subito la discesa sul versante opposto della salita. La via del ritorno è molto più diretta e ripida dell'andata, l'assenza di sentieri la rende altrettanto difficile e non mancano le perdite di equilibrio e le scivolate, soprattutto nel bosco fitto e nell'attraversare i folti cespugli di aghiformi. Perciò non si verifica quel tipico calo di tensione della discesa, fino a quando non si raggiunge, in un paesaggio quasi primaverile, una zona pianeggiante di pascoli e di lì a poco la larga strada sterrata che riporta direttamente al rifugio di partenza.
Insomma una escursione caratterizzata dalla non troppa difficoltà e dal raccoglimento che particolarmente si confà al periodo autunnale, data la scelta di trascorrere insieme due giorni in montagna, ma soprattutto dall'attraversamento ideale di tre stagioni: autunno, inverno e primavera, dovuto alle diverse zone e quote percorse, ma forse anche al clima pazzo che caratterizza questi tempi ultimi.
Un lauto e meritato pasto, e le operazioni di ripartenza coronano e concludono la bella esperienza. L'appuntamento è alla prossima escursione. Avanti GEO!
 
Monte Lupone
Monte Lupone [1378 m s.l.m.] - Recensione
 
 
Per l’escursione autunnale di domenica 9 novembre, la meta è il monte Lupone, facente parte della catena montuosa dei Lepini, che dai Colli Albani si estende verso Sud fino ai Colli Seiani, ad Est hanno la Valle del Sacco, e ad Ovest si affacciano sulla pianura Pontina. Numeroso il gruppo che ancora una volta decide di staccare per un giorno dalla vita cittadina per mettersi alla prova e arricchirsi attraverso la salita in montagna: l’appuntamento per la partenza è fissato per le 7.00. Già dal viaggio in auto abbiamo la possibilità di ammirare uno splendido panorama, con i tipici colori autunnali dai toni rossastro-castani, che avvolgono gli splendidi paesi arroccati nel versante montano. Si giunge dunque al punto di partenza, sopra a Rocca Massima: si salirà infatti dal lato nord e in cresta si proseguirà verso sud fino alla cima. Si parcheggiano le auto, ci si infila gli scarponi e si inizia con volontà ed entusiasmo la salita.
L’escursione comincia con una pendenza non eccessiva, immersi in uno splendido bosco, quasi fiabesco per le splendide tinte delle foglie che ricoprono il suolo e per le strane forme assunte dai tronchi di castagno circostanti. Proseguiamo senza riscontrare particolari difficoltà, fino a quando due componenti del gruppo sono costretti a fermarsi e riscendere subito all’auto causa un problema fisico già presente e riacutizzatosi durante il primo tratto di salita. La fitta nube che ci avvolge una volta raggiunta la cresta non ci permette inizialmente di godere il panorama circostante ma dona comunque una splendida atmosfera all’ambiente rendendolo quasi surreale, ma non per questo meno affascinante. Dopo un tratto in cresta, si rientra nel bosco per poi uscirne ed affrontare l’ultimo tratto in salita, che presenta difficoltà maggiori dovute alla gran quantità di piccole rocce e sassi di cui è disseminato il terreno. Il gruppo nonostante questo avanza quasi sempre compatto, senza eccessivi sfilacciamenti, con passo regolare e sicuro. La ferma volontà di raggiungere la vetta ha dunque ancora una volta la meglio sul “nemico” interiore e non ci lasciamo in alcun modo sopraffare da stanchezza e sforzo fisico. Raggiungiamo quindi la cima del monte Lupone (1378 m.s.l.m.) dopo poco più di tre ore di cammino, intorno alle 12.30, coprendo un dislivello di 600 mt., ma che tra i sali e scendi affrontati in cresta divengono all’incirca 800. Giusto in tempo di rifocillarci e riposare un po’ e si riparte subito per la discesa. Le nubi nel frattempo si sono alzate e lungo il ritorno abbiamo modo di ammirare il panorama circostante, bellissimo in particolar modo lo scenario che si apre alla nostra sinistra, dove si estende la pianura Pontina, con lo sguardo che giunge fino al Circeo più a sud e le isole Pontine all’orizzonte.
Arriviamo così alle auto intorno alle 16 passate, dopo 6 ore e 18 km circa di cammino. Un’ultima sosta in paese per i saluti conclude una splendida escursione, e riscendendo a valle, mentre cala la sera, ci sentiamo rigenerati. Lontani dal caos e dalla frenesia della città, rientriamo sì stanchi ma rinnovati interiormente e rinfrancati nello spirito, portando dentro gli impagabili colori e la magica atmosfera che la natura ci ha offerto.
 
Escursione GEO - Domenica 9 novembre
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 5 - 8 di 162

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento

Negozio

Cime inviolate e valli sconosciute
Cime inviolate e valli sconosciute
€25.00
Aggiungi


C'č neve sulle cime
C'č neve sulle cime
€18.00
Aggiungi


Le montagne dolomitiche
Le montagne dolomitiche
€36.00
Aggiungi


La montagna negli ex libris
La montagna negli ex libris
€18.00
Aggiungi


Il nomade delle rocce
Il nomade delle rocce
€0.00
Aggiungi



"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Tibet

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4