Home
L'arte di arrampicare

 L'arrampicata, è una disciplina complessa caratterizzata sia da un aspetto fisico motorio che da una importante componente psicologica.

L'arrampicata può comunque essere definita come la salita di un ostacolo, sia esso una parete rocciosa, naturale espressione e terreno preferito su cui l'arrampicata si è sviluppata in tutte le sue forme, sia esso un sasso, un pannello artificiale o una qualsiasi struttura urbana. Esistono varie scale per valutare la difficoltà dei vari tipi di arrampicata.

L'arrampicata può essere distinta in

  • Arrampicata libera e
  • Arrampicata in artificiale

L'aggettivo libera e in artificale viene utilizzato per sottolineare la differenza tra le due pratiche ovvero nell'utilizzo di aiuti artificiali o meno per compiere la scalata.

Si distinguono diverse specialita' di arrampicata in funzione del ambito in cui essa si svolge:

  • Su roccia - che si svolge risalendo pareti rocciose in ambiente naturale (falesie)
  • Su ghiaccio - che si svolge risalendo ghiacciai e/o cascate gelate
  • Arrampicata su terreno misto

è caratterizzata dalla presenza di due o più tipologie di terreno da affrontare. Ad esempio, ghiaccio e roccia, ghiaccio e neve, roccia e terra.

Il terreno misto richiede particolare attenzione per essere affrontato, in quanto richiede capacità, conoscenze e tecniche inerenti due diversi metodi di salita.

Leggi tutto...
 
La montagna e i suoi simboli

 La simbologia della Montagna è profondamente radicata in molte tradizioni e riporta sempre ai concetti di stabilità, elevazione, centro. È anche simbolo dell'intera manifestazione nonché dello spazio propriamente umano.

La forma grafica del triangolo iniziatico è pure una rappresentazione simbolica del Monte la cui base coincide con la terra, mondo della manifestazione corporea (Bhu), la cima tocca il Cielo, regno del non-manifesto (Swar) e lo spazio intermedio, l'atmosfera, raccoglie il mondo della manifestazione sottile (Bhuvar).

Questa triplice ripartizione, nell'uomo (microcosmo) corrisponde al corpo, anima e spirito, e a livello macrocosmico prende il nome di Mahanga, o regno di tutta la materialità del Cosmo, Mahatma o anima universale e Brahatma o regno dello Spirito Divino.

Ordinariamente l'uomo vive ai piedi della Montagna immerso in una realtà densa, frazionata, di dispersione e lontano dalla perfezione.

Proprio come nel dantesco “Nel mezzo del cammin di nostra vita” egli si ritrova in una selva oscura senza riuscire a scorgere la giusta via.

Leggi tutto...
 
Ombre sul ghiacciaio
La prima volta che sentii l'atroce storia di Pam Caswell fu alla radio. Pam e il marito Steve erano due capaci ed esperti alpinisti; alpinista era pure il figlio di Pam, Simon, alla sua terza stagione sulle alpi. Quell'estate i Caswell avevano deciso di scalare l'Aiguille de Bionassay, una cuna che si trova a ovest del Monte Bianco. Avevano già al loro attivo una serie di ascensioni sui quattromila delle Alpi: la traversata che ora progettavano prevedeva la salita dal versante francese per la cresta sud e la discesa sul versante italiano, per la classica cresta est. È un'ascensione che richiede competenza ed esperienza ed è considerata un buon banco di prova delle capacità di un alpinista.

 

I Caswell erano bene attrezzati, ma le cose non andarono per il verso giusto. La prima notte furono costretti a bivaccare sul ghiacciaio, avendo preso la saggia decisione di non proseguire al buio su un terreno rischioso. Il giorno seguente, giunti alla capanna Durier, furono costretti a un ulteriore ritardo in attesa di un miglioramento tempo. Quando infine giunsero in vetta, cominciarono subito a scendere lungo la bella cresta est, un aereo e affilato nastro di neve che segna il versante italiano della montagna.

Il pomeriggio alle quattro, più tardi di quanto fosse nei loro programmi a causa dei ritardi accumulati, si trovarono sul vasto ghiacciaio coperto di neve. Il calore del sole aveva reso fragili i ponti sopra i crepacci. I tre decisero tuttavia di proseguire, avendo giudicato l'itinerario abbastanza sicuro, perché la traccia era evidente -un'autostrada, la definì Pam Caswell in seguito - e i crepacci sembrano ben visibili e facili da passare.

Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 233 - 236 di 242

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento


"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4