Home
Clima e inquinamento sull'Everest
 
KATHMANDU, Nepal -- Quanto sono inquinate le acque e le terre della regione himalayana 
dell'Everest, una delle più belle e fragili dell'intero pianeta? E' quello che intende scoprire
un gruppo di ricercatori del Comitato EvK2Cnr, giunti ieri al Laboratorio Osservatorio della Piramide, a 5.050 metri di quota sulle pendici dell'Everest. Loro compito, quello di raccogliere campioni di laghi d'alta quota, fiumi e suoli himalayani, che verranno studiati nell'ambito di progetti internazionali sui cambiamenti climatici e la gestione sostenibile delle aree montane protette.
Leggi tutto...
 
La tragedia dell'Eiger
 
 Il recupero del corpo di Longhi ha riproposto un drammatico interrogativo: perché Corti abbandonò al suo destino il compagno?

Il recupero della salma di Stefano Longhi, l'alpinista rimasto appeso sulla parete nord dell'Eiger per due anni, ha interessato questa settimana il mondo intero. L'impresa, organizzata dall'Europeo e da altri due grandi settimanali stranieri, si è conclusa felicemente. Ma è rimasto il mistero di quello che successe lassù, quando Longhi fu abbandonato dai compagni di cordata, e quando poi i tedeschi, abbandonato anche Claudio Corti ferito, sparirono inghiottiti da qualche crepaccio. L'unico scampato, Corti, non aveva mai rivelato tutto, aveva soltanto badato a difendersi, irosamente, dalle polemiche subito scoppiate su questa storia crudele. "Noi non abbiamo capito perché Longhi non sia stato salvato dai suoi compagni", ci ha detto ai piedi dell'Eiger, durante l'opera di soccorso del corpo di Longhi, il capo delle guide svizzere Stäger. "Solo Corti può dire qualcosa. Gli altri non possono più parlare, e noi non capiamo". Siamo andati perciò a trovare Claudio Corti, a Lecco. Magro, di media statura, sembra quasi gracile, ha trentun anni ma ne dimostra di più. Eppure se l'è cavata dall'Eiger e da altre avventure: è rotolato dal Petit Dru per mezzo chilometro di ghiacciaio, è venuto giù a picco per settanta metri dal Nibbio in Grignetta finendo su un albero (una costola rotta), quando faceva il vetraio è caduto dal terzo piano sfondando una serra, quando faceva il magazziniere gli è arrivata una cassa d'un quintale, di spigolo, sul cranio. Mostra, con un sorriso mesto e ironico, le cicatrici sparse per le braccia e la testa.


Leggi tutto...
 
Conseguenze dello scioglimento dei ghiacci
 
L'innalzamento della temperatura determinerà cambiamenti climatici che a loro volta si rifletteranno sull'intera popolazione mondiale.
Se non saranno presi drastici e immediati provvedimenti coordinati a livello mondiale lo scioglimento dei ghiacciai farà aumentare il livello dei mari di 5 mm ogni anno, con effetti a catena: fiumi in piena, aumento di inondazioni e precipitazioni, riduzione della disponibilità di acqua dolce, centri urbani assediati dall'afa, montagne senza neve, epidemie di colera e malaria.


Leggi tutto...
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 51 52 53 54 55 56 57 58 59 60 Pross. > Fine >>

Risultati 213 - 216 di 242

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento


"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4