Home
QUEL CANALE CHE NON C’E’

ImageFinalmente una bella giornata di sole dopo alcuni fine settimana all'insegna del maltempo (quello precedente con secchiate d’acqua fino a 2000 metri purtroppo…), nella quale riusciamo ad organizzarci per un bel canale sul Terminillo.

La “montagna dei romani” non delude mai, anche durante quegli inverni un po' strani come questo del 2019, in cui la neve caduta non è tanta e, quindi, il terreno d’avventura è senza fondo, privo di quel fondamentale strato di neve trasformata che garantisce oltre che sicurezza anche un maggiore divertimento.

Ci vediamo presto lungo la via Salaria, considerate le alte temperature previste (anomale per inizio febbraio), e una volta giunti nei pressi del rifugio Sebastiani troviamo un discreto affollamento. Complice una giornata di addestramento del Soccorso alpino, sono tanti gli alpinisti che si dirigono al canale Centrale, all’Orsacchiotta, qualcuno alla Brucchietti, molti altri al Pietrostefani o al canalino nord.

Noi, invece, andiamo verso la parte nascosta, lì dove il canale sembra non esserci: il “Canale che non c’è” per l’appunto, un ripido scivolo valutato AD-, sui 50°/55° con un paio di passaggi che arrivano anche a 75°.


Leggi tutto...
 
Serra di Celano

Purtroppo anche noi siamo state vittime del “terrorismo” meteorologico della scorsa settimana.

In effetti, a sentire telegiornali e siti meteo (anche quelli più specializzati), l’Abruzzo pareva quasi sepolto dalla neve o quanto meno in ottime condizioni di innevamento.

Purtroppo, non avendo contatti in loco, noi poveri illusi abbiamo pensato di tornare sul versante nord della Serra di Celano per il conto in sospeso coi canali che la incidono. Già dalla salita verso il paese un malcelato dubbio si inizia ad affacciare: ma i canali saranno in condizioni?

Nonostante il freddo secco e la giornata perfetta (-9 alla partenza da Ovindoli e totale assenza di vento), il nostro avvicinamento (peraltro abbastanza lungo, visto che ci vuole almeno 1h.30 da quando si lascia l’auto lungo la strada innevata) si trasforma in una graduale presa di coscienza che anche oggi la beffa è servita: se lo scorso anno fu l’innalzamento della temperatura a farci desistere (attaccato il canale siamo dovuti ridiscendere perché dall’alto veniva giù un bel po' di roba…), oggi è la scarsa quantità di neve a servire la delusione.

Image 


Leggi tutto...
 
Sole, ghiaccio e grappa. L'alchimia perfetta.

Sono queste le tre parole che hanno contraddistinto questa prima salita invernale sul Terminillo… l’ultimo giorno dell’anno.

Ebbene sì, abbiamo deciso di festeggiare il 31 sulla vetta della montagna di Roma e l’abbiamo fatto salendo per il canale dell’Orsacchiotta con neve dura, ghiacciata e sicuramente in una veste più impegnativa rispetto a tutte le altre precedenti occasioni in cui lo avevamo scalato.

Di fatto, complice una giornata freddina e ventosa (ma sopportabilissima) ed una quasi totale solitudine (ma dov’erano tutti gli alpinisti, scialpinisti, escursionisti che normalmente sono sul Terminillo?), ne è uscita una bella e remunerativa salita, senza troppe preoccupazioni, da affrontare in sicurezza per via della neve dura e ghiacciata, in buona parte ottima da scalare, ma che non ammette distrazioni.

Ed in vetta? Che volere di più dalla vita se non... una grappa rigenerante!

Con un brindisi abbiamo salutato il 2018 e, idealmente, abbracciato il nuovo anno. Che sia un anno di soddisfazioni per Geo, in alto i cuori!

Image 

 
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 17 - 20 di 246

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento


"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4