Home
Monte Brancastello e Torri di Casanova
 
Monte Brancastello [2385 m s.l.m.] e Torri di Casanova [2368 m s.l.m.] - Recensione
 
21 Giugno Inizio dell’estate. Parte l’allegra brigata verso i monti. Più che una brigata stavolta è un piccolo drappello visti gli impegni che hanno trattenuto molti aficionados delle nostre escursioni.
All’arrivo a Campo Imperatore l’escursione termica rispetto ai quasi 30 gradi di Roma è molto sensibile, il termometro segna 9 gradi.
E’ necessario per qualcuno comprare al volo un cappellino di lana visto che quello di cotone per il sole non basta a tenere a bada il freddo (specie se privi di una folta chioma).
L’osservazione in situ delle condizioni meteo scoraggiano di salire verso il Corno Grande. Nubi avvolgono il gigante di pietra, vento forte e residui nevai in quota richiedono attrezzatura invernale.
La nostra destinazione di riserva, già pianificata in partenza, è il sentiero del Centenario fino alle Torri di Casanova.
Un itinerario super panoramico, tutto in cresta dopo il primo tratto che sale dolcemente. Il tratto fino alla base delle Torri di Casanova non può essere definito impegnativo per i dislivelli che richiede, ma se percorso di buon passo, questo tratto di sentiero garantisce la fatica nelle gambe necessaria alla felicità degli escursionisti.

Leggi tutto...
 
Pizzo Deta

Pizzo Deta [2041 m s.l.m.] - Recensione

 GUARDA QUI TUTTE LE FOTO!

Puntuali all’appuntamento di buon mattino, si parte alle 7 da Roma direzione Veroli alle pendici dei Monti Ernici.
Oggi torneremo dopo alcuni anni sul Pizzo Deta. In realtà è una prima volta per quasi tutti i presenti oggi. Da Veroli ci dirigiamo verso Prato di Campoli. Quest’ultimo tratto di strada attraversa una faggeta molto bella rendendo l’ultimo avvicinamento in auto davvero adatto per entrare nell’atmosfera dell’escursione.
Prato di Campoli è un altipiano piuttosto noto. Il grande prato ha già distese di piccole margherite che ne coprono ampie porzioni. Non ci sono ancora persone e la valle occupata dal grande Prato di Campoli sembra incantata. Lo scenario è idilliaco…della serie sole, prati fioriti e corona di montagne con cime imbiancate di neve.
In questo tipo di ambiente è più facile essere felici.

Leggi tutto...
 
Monte di Mezzo
Monte di Mezzo [2155 m s.l.m.] - Recensione
 
 
Ultima domenica di Marzo, meteo previsto strepitoso.
Un po’ più assonnati del solito, per l’entrata in vigore dell’ora legale, ci vediamo nei pressi del raccordo anulare della capitale destinazione casello L’Aquila Ovest. Pardon, destinazione Monte di Mezzo partendo dal lago di Campotosto.
Sappiamo che molto probabilmente sarà l’ultima volta quest’anno che indosseremo ciaspole e, per quelli che li usano, sci da escursione.
Le conversazioni durante l’avvicinamento in auto non sono degne di particolari note tranne per la generale curiosità che ha destato il primo contatto con una lupa addomesticata che accompagna un partecipante all’escursione.
Lupa nata da una selezione dove l’addomesticamento è possibile ed ottenuto grazie all’incrocio del lupo dei Carpazi con il pastore tedesco. Dall’aspetto ed ancor più dalle movenze sembra proprio un lupo, mentre il carattere rimanda all’amico dell’uomo per antonomasia.
Iniziamo la salita con un bel sole e senza vento, quindi in breve il vestiario si alleggerisce. Il ritmo è dettato da chi avanti va con gli sci e pelli di foca. La consistenza delle neve è buona, nel pomeriggio il caldo la renderà più farinosa o come alcuni dicono “una pappetta”.
La prima parte del sentiero si snoda attraversando un bosco intermezzato da radure. In quota si sale su pendii sgombri che faranno la felicità degli sciatori in discesa.
E’ un’escursione per tutti, non difficile ne particolarmente faticosa, quindi il divertimento è assicurato anche per i meno allenati.
Sia gli scorci che gli ampi panorami vengono immortalati dai vari telefonini. Alcuni scatti saranno pubblicati insieme a queste righe od ancor prima condivisi con i propri cari. Ma come tutti sanno la bellezza dei luoghi ammirati viene esaltata dal momento, dall’essere fisicamente lì presente e quindi dalla sensazione di aver fatto proprio bene a venire.
Alcune pause permettono al gruppo di ricompattarsi. Clima allegro e spensierato. Anche chi ha qualche preoccupazione personale o lavorativa durante questa giornata vivrà una pausa benefica e ritornerà alle proprie occupazioni e preoccupazioni positivamente ritemprato. Eh si la montagna è anche terapeutica, non bisogna essere esperti per accorgersene.
Sulla cresta prima della cima un’ultima pausa.
In cima arrivano tutti uno dopo l’altro tranne l’estensore di queste righe che si ferma, un pò per pigrizia un pò per stare solo ed in silenzio, su una comoda roccia luogo dell’ultima pausa del gruppo. Non siamo lontani, li vedo i miei amici in gruppo sulla cima che si intrattengono felicemente. Anche questo è un bel momento come quando in salita si guarda chi è con te faticare insieme a te lungo la stessa strada. Se in cima ci sono i tuoi amici sei felice anche se ti sei fermato prima.
Il panorama offerto dalla cresta e dalla cima di Monte di Mezzo è bellissimo a 360 gradi. Come spesso accade i più esperti indicano agli altri i nomi delle varie montagne che si ammirano intorno.
Inizia la discesa, più veloce per gli sciatori, che comunque a tratti si fermano per aspettare gli altri.
Alle auto si torna insieme tra commenti di reciproca soddisfazione per la bellezza dell’itinerario scelto e con propositi e proposte per le prossime escursioni.
Arrivederci monti belli dei nostri Appennini.
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 13 - 16 di 174

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento

Negozio

...E non potrai tornare - Ettore Castiglioni
...E non potrai tornare - Ettore Castiglioni
€38.00
Aggiungi


La montagna negli ex libris
La montagna negli ex libris
€18.00
Aggiungi


Cime inviolate e valli sconosciute
Cime inviolate e valli sconosciute
€25.00
Aggiungi


La montagna presa in giro
La montagna presa in giro
€18.00
Aggiungi


I quattordici 8000
I quattordici 8000
€25.00
Aggiungi



"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Tibet

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4