Home
Un prezioso contributo dell'amico Prof. Mario Polia

Una intervista in occasione della conferenza organizzata da RAIDO nel 2007 dal titolo “La Via della Montagna”.

Per chi ama la montagna avendone in essa un sentore di sacralità, sono dodici minuti di video molto gratificanti. Prendetevi il vostro tempo!

                                            Image 

 Qui il video

 
Escursione sul Monte Sirente, 2347 s.l.m.

07/10/2018

Per la consueta uscita mensile decidiamo questa volta di salire il monte Sirente dal versante Nord.

Alla partenza da Roma la giornata si presenta meteorologicamente molto incerta, i giorni passati sono stati molto piovosi e le previsioni prevedono ancora piovaschi sparsi. Stabiliamo comunque di partire visto che i temuti temporali perlomeno non sono previsti; procedendo lungo l'autostrada intravediamo piccoli ed incoraggianti sprazzi di cielo sereno.

Nel versante nord il Sirente è una lunga parete rocciosa strapiombante di aspetto dolomitico, a cui seguono ripidi pendii erbosi e più in basso una estesa fascia boschiva. Un territorio rimasto selvaggio per un’escursione molto interessante sotto l'aspetto sia paesaggistico che naturalistico, dov’è facile incontrare camosci e grifoni.

Image 

Imbocchiamo l'itinerario proprio accanto allo chalet dei prati del Sirente e da subito si è dentro la faggeta su un sentiero facile e ben segnalato, dove sostanzialmente bisogna prestare attenzione a due biforcazioni mantenendo sempre la destra per il sentiero n. 15. Usciti dal bosco il sentiero prosegue evidente fin sulla cresta, raggiunta la quale la si percorre verso destra fino in vetta.

Il tempo, pur rimanendo nuvoloso tanto da precluderci la visuale panoramica che la vetta avrebbe potuto offrire, ci ha non solo risparmiato la pioggia ma anche regalato quella tipica atmosfera che si ha in montagna con il brutto tempo: nuvole multiformi che al vento si modellano sui pendii e che lasciano intravedere, in una accentuata visuale aerea, alterni scorci di paesaggio sulla valle.

Leggi tutto...
 
Julius Evola

 Si evince da questa frase di Julius Evola che la montagna è il più efficace degli antidoti contro i nefasti influssi della presunta civilizzazione moderna.

"...la castità della parola e della espressione. La montagna insegna il silenzio. Disabitua dalla chiacchiera, dalla parola inutile, dalle inutili esuberanti effusioni. Essa semplifica ed interiorizza. Il segno, l'allusione sono qui più eloquenti di un lungo discorso..."

Image 

 

 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Pross. > Fine >>

Risultati 1 - 4 di 221

Menu principale

Home
Contattaci
Links
Negozio

Meteo

 Italia 

  Roma

   Appennini

Tesseramento

Negozio

Una cordata di parole
Una cordata di parole
€16.00
Aggiungi


La scoperta delle Dolomiti 1862
La scoperta delle Dolomiti 1862
€30.00
Aggiungi


Civetta: la soglia dell'impossibile
Civetta: la soglia dell'impossibile
€25.00
Aggiungi


C'č neve sulle cime
C'č neve sulle cime
€18.00
Aggiungi


Agner: il gigante di pietra
Agner: il gigante di pietra
€20.00
Aggiungi



"Anche le montagne respirano, ma la nostra vita è troppo breve per potercene accorgere."

Detto Sioux

Tibet

Fascicolo

Fascicolo

Gruppo Escursionistico Orientamenti

pp. 22, € 4